PREMI
Crossing Europe – Festival del Cinema di Linz, Premio del Pubblico; Durres International Film Festival 2010, Premio Gladiator per la Miglior Regia

Paul vive sulle montagne svizzere al limitare della foresta. Sua moglie Rosine, che Paul ama meno dei suoi animali, deve lavorare per lui, sotto la costante minaccia di essere violentata come fosse una sua proprietà. Quando Paul assume un nuovo lavoratore stagionale spagnolo, le cose cominciano a cambiare. Un nuovo vento spira sulla fattoria, ma Paul, che per la prima volta avverte il pungolo della gelosia, picchia la moglie fino quasi ad ucciderla.
Solo quando l’elicottero di soccorso porta la moglie all’ospedale giù nella valle, Paul si accorge di sentirne la mancanza, sente che probabilmente la ama davvero e non può continuare a vivere con un “cuore animale”. Dovrà lottare per lei, alla fine. Ma Rosine sarà disposta a perdonargli i 15 anni di umiliazione subiti?

SÉVERINE CORNAMUSAZ (Lausanne, 1975)
Si diploma alla Scuola di Fotografia di Vevey e alla New York Film Academy. Dal 1996 al 2005 realizza cinque cortometraggi di fiction e lavora come montatrice. Coeur animal è il suo primo lungometraggio.
Sta attualmente lavorando al suo nuovo film, Cyanure, e sviluppando la sceneggiatura di Le sexe des anges.

Primo, il film esplora le tensioni, il pericolo di far del male agli altri e la scoperta che, malgrado tutto, è un amore profondo quello che lega Paul e sua moglie. Un amore che non ha potuto esprimersi, contorto e negato a seguito dei tanti anni di maltrattamenti. Secondo, il film mira a far identificare lo spettatore col punto di vista di Paul, facendolo partecipe delle sue sofferenze. La sfida è grande, perché il suo personaggio non è eroico;anzi, si presenta all’inizio come un antieroe vile, meschino e ripugnante, come nei film degli anni ’70. È per questo che la sua lotta interiore fra ciò che deve essere e ciò che può essere lo rendono poco a poco commovente. (Séverine Cornamusaz)

Segui ICS su


Designed / Built by MARCO NOVELLO | Designer